Skip to main content
69° STAGIONE D’OPERA LIRICA

69° STAGIONE D’OPERA LIRICA

L’Ente Luglio Musicale Trapanese

  La Sicilia Occidentale, la terra trapanese, è uno degli angoli più belli al mondo, dotato di paesaggi magici: dal monte Erice alle saline, passando per le Isole Egadi, a cui si unisce un patrimonio artistico straordinario come i siti archeologici di Mozia, Segesta e Selinunte e un’offerta enogastronomica tra le migliori che vi siano dal pesce, ai vini, alla pasticceria. A Trapani la musica è di casa. Il vento che la accarezza o la sferza, a seconda delle stagioni, canta mentre si infila fra i vicoli del quartiere più antico della città, Casalicchio, o in quello ebraico della Giudecca, o fra i ruderi medievali del Castello di Terra, del Castello di Mare o della Colombaia. Un suono unico lo fa anche il mare, anzi i mari, quando il Mediterraneo incontra il Tirreno a Torre di Ligny.   La lirica in particolare, la fa da padrona con il Luglio Musicale Trapanese. L’idea nacque nel 1948 dal maestro trapanese Giovanni De Santis, direttore d’orchestra cresciuto artisticamente negli anni ‘20 tra Torino e Milano. Oggi, Giovanni De Santis (nipote del fondatore) copre la carica di amministratore delegato e direttore artistico dell’Ente e anche quest’anno, con caparbietà ed attraverso difficoltà di ogni tipo, è riuscito a realizzare una stagione di tutto rispetto. Si parte l’11 luglio al teatro Giuseppe Di Stefano con “Aida” di Verdi, totalmente prodotta dall’Ente Trapanese. Seguiranno il 25 luglio, “La Cenerentola” di Gioacchino Rossini, realizzata in coproduzione con il Teatro del Giglio di Lucca e “La Bohème” il prossimo 8 agosto, anch’essa in un nuovo allestimento prodotto dal Luglio musicale. Diversificato il cartellone che prevede anche alcune opere da salotto al Chiostro di San Domenico, uno dei posti più belli e suggestivi del centro storico della città, situato sul punto più alto di Trapani. Il primo appuntamento è fissato per il 16 luglio con “La Voix Humaine”. Seguiranno “La Boutique Fantastique” il 31 luglio e “Il Campanello” l’1 agosto. In cartellone anche musica sinfonica, danza e spettacoli di altro genere. Tutti gli eventi sono previsti nelle ore serali. Le ore del giorno, dunque, sono perfette per visitare i dintorni. A sud del porto si estende la Riserva Naturale Orientata delle Saline di Trapani e Paceco, con vasche per la coltivazione del sale. Sito di Interesse Comunitario (SIC) la Riserva costituisce una delle più importanti aree umide costiere della Sicilia Occidentale per le sue valenze biologiche, legate agli aspetti faunistici e floristico-vegetazionali, ed è inserito come ZPS (Zona a Protezione Speciale per gli uccelli) in quanto area di sosta sulla rotta delle migrazioni verso l’Africa e viceversa. All’interno della Riserva il sale marino viene ottenuto secondo il metodo della coltivazione, lasciando evaporare l’acqua del mare, immessa in grandi vasche nel periodo invernale: gli elementi essenziali sono l’acqua marina, il sole e il vento. La produzione avviene durante il periodo estivo, in particolare nei mesi di luglio, agosto e settembre e a seconda delle condizioni climatiche si possono effettuare anche tre raccolti. Una giornata intera la merita Erice e la magia del suo borgo medievale. Poco distante da Trapani, sulla vetta di un monte isolato a 750 m. sul livello del mare, la cittadina conserva intatto suo centro medievale. Vicino all’abitato si trova il bellissimo giardino del Balio, all’interno del quale svetta il castello normanno di Pepoli. Alla Multi Erice amiamo particolarmente Erice, anche perché, dal 2016, abbiamo aggiunto al nostro ventaglio di proposte per il soggiorno a Trapani, un altro piccolo gioiello: La Pineta Park Hotel, una struttura storica che, fin dagli anni ‘60, ha ospitato grandi nomi dell’arte e della cultura, ma anche della scienza, grazie alla vicinanza con il Centro di Cultura scientifica Ettore Maiorana. Un luogo unico che il tempo stava rovinando e che abbiamo recuperato per offrirlo ai turisti che vogliano vivere un’esperienza unica di soggiorno nel territorio trapanese. Torna al Blog
it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian