Skip to main content
Vieni a San Vito

Vieni a San Vito

San Vito Lo Capo e la sua storia

Nato come borgo di pescatori, protetto dalle mareggiate grazie ad un dolce golfo, oggi San Vito Lo Capo è una delle più rinomate spiagge siciliane, capace di appassionare per la limpidezza delle acque e per la suggestiva cornice del golfo che la circonda. Posto su un promontorio, fra la Riserva Naturale Orientata dello Zingaro e quella di Monte Cofano, il paese di San Vito Lo Capo si sviluppò, in origine, come luogo di ristoro per i pellegrini che arrivavano qui per venerare San Vito Martire. Al culto di San Vito è legata anche la Cappella di Santa Crescenza, posta sulla via per arrivare al paese. Si racconta che fu costruita nel luogo in cui una frana uccise Crescenza, la nutrice del Santo. Negli ultimi anni, San Vito Lo Capo è cresciuta grazie al turismo estivo, con ristorantini e strutture ricettive, ma, fino a non molto tempo fa, il paese si era dedicato quasi esclusivamente alla pesca. Fino alla metà del 1600, era attiva anche la Tonnara del Secco, una delle tantissime che si trovavano in tutta la Sicilia, per la pesca e la lavorazione del tonno rosso.
Immagine placeholder
Fari puntati sul Cous cous Fest
Perchè vacanza è anche buon cibo
Lo Zingaro...
e la sua Riserva

Notizie ed eventi

IL TRENINO DELLE SALINE

Cogli la possibilità di un esperienza unica, un aperitivo con prodotti tipici locali, immerso nei colori del tramonto in una location indimenticabile.
LE NEWS

Calatafimi si veste di fiori

Lungo corso Garibaldi a Calatafimi Segesta si potrà ammirare un meraviglioso tappeto floreale realizzato lungo tutta la centralissima arteria cittadina.
GLI EVENTI
Un lembo di costa incontaminata, nel quale è possibile addentrarsi solo attraverso dei sentieri scoscesi. Da un lato la nuda e calda roccia, dall’altro il mare e la sua frescura. E poi cale, faraglioni, torri costiere e, soprattutto, uno tra gli ultimi lembi di vegetazione mediterranea. La Riserva Naturale dello Zingaro è uno degli angoli di Sicilia più bello e suggestivo in assoluto: un vero paradiso per chi ama la natura e le rocce a precipizio sul mare. Tre i percorsi attraverso i quali è possibile accedere, rigorosamente a piedi, all’interno di questa oasi incontaminata ricca di esemplari unici di flora e fauna. Sia terrestri che marini. ma c’è di più: la storia tra l’uomo e la Riserva dello Zingaro inizia oltre 10.000 anni fa. La grotta dell’Uzzo è uno dei più importanti siti preistorici dell’intera Sicilia. All’interno di essa sono state rinvenute tracce di presenze umane risalenti a circa 10.000 anni fa.
it_ITItalian
en_USEnglish it_ITItalian